Forra del Torrente Cornappo

Coordinate GB X: 2388783.00000 Y:5122468.00000
Quota Min: 220.00 Max:300.00
Località Borgo Vigant
Fotografie Fotografie e schemi del geosito
Grado di interesse Regionale
Interesse primario Geomorfologia
Interesse secondario Escursionistico,Paesistico,Carsismo,Idrogeologia
Esposizione naturale Si
Esposizione artificiale No
Geosito panoramico No
Visibile da lontano No
Accesso A Piedi (Molto facile)
Periodo di visita Tutto l'anno.
Note Accessibile tramite strada asfalta parallela al torrente (con piazzole panoramiche) e a piedi in alcuni tratti in alveo.
Stato di conservazione Buono
Tipo Paesaggio Paesaggio Prealpino
Tipo Amb. Paesaggistico Valli del Torre, Cornappo e Chiarò
Note vincoli zonazione Il geosito è quasi integralmente Area di Rilevante Importanza Ambientale; in gran parte è Sito di Importanza Comunitaria.
Proposta tutela Consigliabile
Descrizione del degrado
La forra del Cornappo presenta una buona naturalità; va tuttavia segnalato che l'alveo è costeggiato da una strada provinciale e quindi vulnerabile in caso di incidente.
Descrizione
Il corso del Torrente Cornappo, affluente del Torrente Torre, scorre per circa 2 km incassato in una valle incisa ad orientazione NE-SW. Le quote del fondo della gola sono comprese tra 240 e 300 m circa. I versanti della forra presentano acclività talora superiori a 45° (100%), con pendenze e dislivelli maggiori (oltre 300 m) in sinistra orografica tra il Monte Plaiul e Monteprato. Le gola è scavata nella Formazione dei Calcari del Cellina. Si tratta di calcari biancastri in strati pluridecimetrici o in banchi. Sono costituiti da micriti e calcareniti bioclastiche con lamellibranchi, gasteropodi e coralli. Localmente è presenta un orizzonte di calcari neri sottilmente stratificati. L'età è riferibile al Giurassico sup-Cretacico inf.
Il tratto di corso d'acqua individuato attraversa l'anticlinale asimmetrica, denominata dei monti la Bernadia, vergente a SW e connessa con la linea tettonica dei monti la Bernadia. Quest'ultima è un sovrascorrimento ad andamento arcuato, parallelo all'asse dell'anticlinale che porta le formazioni cretaciche a scorrere sul Flysch nei pressi di Torlano, qualche centinaio a valle della forra. Anche a settentrione è presente un sovrascorrimento orientato NNW-SSE che si innesta più a Nord nella linea d'importanza regionale Barcis-Staro Selo. L'evoluzione morfologica del corso del Cornappo è stata quindi condizionata dalla presenza di queste linee tettoniche ortogonali alla direzione di deflusso.
Le morfologie fluviali sono marcate con marmitte d'erosione scavate nella roccia calcarea compatta, ripide pareti levigate, sottoescavazioni, pozze, ecc. In situazioni di precipitazione intense particolarmente spettacolari si presentano una cascata in riva destra in prossimità del ponte di Torlano di Sopra e lo sbocco delle acque provenienti dal sistema ipogeo Viganti – Pre Oreak.
L'infiltrazione delle acque del rio Tanaloho nei calcari cretacici ad una quota di circa 580 m s.l.m. in prossimità di Borgo Vigant in destra orografica del Cornappo dà origine ad un imponente abisso. Dal grande ingresso (circa 10 m di altezza) le acque, superato un dislivello di oltre 250 metri e un percorso sotterraneo di 1500 metri, mediante un sifone giungono alla galleria della sottostante cavità Pre Oreak e si immettono nel Torrente Cornappo. La cavità formata da un'ampia galleria suborizzontale è interrotta nel tratto centrale da una grande sala derivante da crollo. Lungo le pareti calcaree della galleria sono evidenti fenomeni di erosione fluviale in ambiente ipogeo, quali marmitte, pareti levigate, prodotti dall'azione delle acque correnti. Sono ben osservabili lungo i circa 300 metri di agevole percorso attrezzato all'interno della galleria Pre Oreak, che si apre lungo l'asta del Cornappo all'altezza di uno slargo nella strada opportunamente segnalato.
Giudizio Il corso del Torrente Cornappo nel tratto di valle che incide il versante settentrionale del Monte Plaiul, tra Torlano di Sopra e Ponte di Brisicul, presenta il classico profilo a V ed interessanti morfologie di erosione fluviale. Lungo l'alveo vi è l'ingresso della cavità a galleria Pre-Oreak che costituisce lo sbocco nel Cornappo delle acque dell'articolato sistema carsico ipogeo denominato Viganti.
Commenti aggiuntivi
La visita alla cavità Pre-Oreak non è possibile in caso eventi meteoclimatici particolarmente intensi in quanto risulta arduo il guado del Cornappo oltre al pericolo di rimanere temporaneamente bloccati all'interno delle cavità.
Bibliografia
AA.VV. (2007) - Il sistema sotterraneo Vigant-Pre Oreak (Nimis, Udine, Prealpi Giulie). Circolo Speleologico e Idrologico Friulano e Comune di Nimis, 128 pp., Udine.

BIASIZZO L, BORLINI A.& BRAIDA L. (2008) - L'area carsica di Villanova e del Bernadia. In: Il fenomeno carsico delle Prealpi Giulie Settentrionali (a cura di G. MUSCIO) Memorie Istit. Ital. di Speleologia, s. II, XX, Udine.

CARULLI G.B., LONGO SALVADOR G., POLI E., PONTON M., TUNIS G., VAIA F. & VENTURINI C. (2002) - Itinerario 7. Da Udine a Sella Nevea. Dall'alta pianura alle Alpi Giulie attraverso il settore prealpino. In VAI G.B., VENTURINI C., CARULLI G.B. & ZANFERRARI A. (a cura di), Guida alle Alpi e Prealpi Carniche e Giulie, alla pianura friulana e al Carso. Guide Geologiche Regionali, Soc. Geol. It., Milano, 269-279.

IACUZZI R. & VAIA F (1981) - Carte tematiche del territorio della Comunità Montana delle valli del Torre. Comunità Montana delle valli del Torre . (6 Tematismi scala 1:50000 e Note Illustrative ), Tarcento.

PONTON M. (2008) - Note geologiche sulle Prealpi Giulie Occidentali, in: Il fenomeno carsico delle Prealpi Giulie Settentrionali (a cura di G. MUSCIO) Memorie Istit. Ital. di Speleologia, s. II, XX, Udine

TORRE LEADER S.C.A.R.L. et alii (2007) - Le valli tra il Torre e il Natisone. Piano di Azione Locale del G.A.L. Intervento di Diffusione della Conoscenza e pubblicizzazione dei siti naturalistici.

VENTURINI S. & TUNIS G. (1998) - Il Canyon Campano - Maastrichtiano della Val Torre (Prealpi Giulie). Estratto da Atti Tic. Sc. Terra (Serie speciale) 7: 7-16.

ZOZ VANNI (1996) - Settore meridionale area dei calcari cretacici. Il sistema Viganti-Pre Oreak - Fr 66-65. In:
MUSCIO G., a cura di, Il fenomeno carsico del Massiccio dei Monti La Bernadia (Prealpi Giulie – Friuli). Memorie dell'Istituo Italiano di Speleologia s. II, vol. VIII, 1996, Lithostampa, Pasian di Prato, 143 pp.