Meandri abbandonati del Fiume Stella presso Titiano

Coordinate GB X: 2369324.14910 Y:5069137.58650
Quota Min: 0.10 Max:0.70
Località Titiano - Madonna della Neve
Fotografie Fotografie e schemi del geosito
Grado di interesse Regionale
Interesse primario Geomorfologia
Interesse secondario Paesistico,Idrogeologia,Sedimentologia
Esposizione naturale Si
Esposizione artificiale No
Geosito panoramico No
Visibile da lontano No
Accesso Automobile (Facile) - A Piedi (Molto facile)
Periodo di visita Tutto l'anno.
Note La rete di strade e carrarecce consente un agevole accesso al sito sia in automobile che a piedi.
Stato di conservazione Medio
Tipo Paesaggio Paesaggio della Bassa Pianura
Tipo Amb. Paesaggistico Bassa Pianura delle Bonifiche a Scolo Meccanico e dei Boschi Planiziali
Note vincoli zonazione Il geosito è quasi integralmente Sito di Importanza Comunitaria, Zona Umida ed Area di Rilevante Importanza Ambientale.
Proposta tutela Consigliabile
Descrizione del degrado
Negli ultimi decenni il notevole traffico turistico di natanti che risalgono dalla laguna fino a Precenicco ha pesatamente compromesso la morfologia delle sponde, innescando una forte erosione laterale che ha portato alla costruzione di argini anche nei tratti prima liberi e di difese spondali con palificate in legno. Il movimento delle imbarcazioni, anche di piccole dimensioni, che entrano nei meandri di Titiano ha reso necessario l'apertura della confluenza dei meandri verso il corso dello Stella, dal quale invece, per la dinamica naturale, tenderebbero a isolarsi e a riempirsi di sedimenti e materiale vegetale che proveniente dalle sponde.
Descrizione
Il Fiume Stella nel tratto a Sud di Palazzolo è caratterizzato da un corso meandriforme in lenta evoluzione, che porta i meandri a svilupparsi e, in qualche caso, ad essere abbandonati. Tra gli esempi migliori di questa dinamica e che possiedono ancora una buona naturalità vi sono i meandri abbandonati su cui si affaccia la chiesa della Madonna della Neve di Titiano. Si tratta di morfologie non più attive già da vari secoli e probabilmente in via di abbandono già in epoca romana.
I due meandri si trovano in corrispondenza della grande ansa che il Fiume Stella percorre tra Piancada e la Laguna di Marano. La loro formazione è probabilmente correlabile proprio alla presenza dell'ampia curva compiuta dal corso d'acqua, che fa rallentare la corrente e ha permesso al flusso di erodere lateralmente e "cercare" nuove direzioni. E' in questo tratto che il fiume comincia a divenire pensile rispetto ai terreni circostanti ed il suo alveo si trova quindi al centro di un limitato dosso fluviale. Un altro simile meandro è presente poco più a valle e un altro ancora in località Bronzan di Piancada, sulla sponda orientale. In quest'ultimo caso la costruzione di una darsena ha reso fortemente artificiali le sponde ed ha causato l'escavo del fondale.
Più a valle il terrazzamento si riduce gradualmente fino a terminare poco dopo la località Bosco Nogali di Piancada. A Sud dell'ampio meandro di Piancada-Bronzan lo Stella diviene addirittura pensile sulla pianura, formando un sottile dosso fluviale e un delta endolagunare.
Giudizio I meandri fluviali rappresentano uno degli aspetti più tipici delle morfologia fluviale della bassa pianura. Quelli abbandonati del Fiume Stella presso Titiano, inseriti in un contesto ricco anche dal punto di vista storico, sono tra gli esempi più interessanti e facilmente accessibili della Regione.
Commenti aggiuntivi
Oltre alla chiesa della Madonna delle Neve, già esistente in epoca medievale, lungo le sponde dei meandri o a poca distanza sono stati rinvenuti i resti di insediamenti di epoca romana.
Bibliografia
COMEL A., (1950) - La bassa pianura del Friuli occidentale tra Tagliamento e Livenza. Annali della Stazione Chimica di Agraria Sperimentale, 3 (7), Udine.

FONTANA A. - (2006). Evoluzione geomorfologia della bassa pianura friulana e sue relazioni con le dinamiche insediative antiche. Pubblicazione N° 47. Edizioni del Museo Friulano di Storia Naturale. Comune di Udine; 134-138.

MAROCCO R. (1991) - Evoluzione tardo pleistocenica – olocenica del delta del F. Tagliamento e delle lagune di Marano e Grado (Golfo di Trieste). Il Quaternario. Italian Journal of Quaternary Sciences, 4 (1b): 223-232.

MARINELLI O. (1922) - Atlante dei tipi geografici desunti dai rilievi al 25.000 e al 50.000. 78 Tavole con notazioni. IGM. Firenze (Ristampa anastatica).