Frana del Monte Masereit

Coordinate GB X: 2381618.63540 Y:5146494.08080
Quota Min: 476.00 Max:980.00
Località Val d'Aupa
Fotografie Fotografie e schemi del geosito
Grado di interesse Regionale
Interesse primario Geomorfologia
Interesse secondario Didattico,Geologia Stratigrafica,Geologia Strutturale
Esposizione naturale Si
Esposizione artificiale No
Geosito panoramico No
Visibile da lontano Si
Accesso A Piedi (Difficile)
Periodo di visita Generalemente tutto l'anno.
Note
Stato di conservazione Medio
Tipo Paesaggio Paesaggio Alpino
Tipo Amb. Paesaggistico Canal del Ferro
Note vincoli zonazione Geosito sottoposto, quasi interamente, a Vincolo Idrogeologico.
Proposta tutela Superflua
Descrizione del degrado
Descrizione
La frana ha interessato il versante occidentale del Monte Masereit (1458 m), in sinistra della Val d'Aupa. Si tratta di un complesso scivolamento rotazionale di una grande massa rocciosa appartenente alla Formazione del Monticello. La massa è suddivisa in ulteriori corpi di varie dimensioni da piani di rottura secondari, anch'essi rotazionali. Particolarmente evidente è la rotazione nelle scaglie affioranti nella parte sud-orientale, attorno alle quote di 700-750 metri.
La massa appare molto fratturata nella parte frontale e nel suo settore settentrionale, mentre la parte rimanente lo è in misura minore. La parte inferiore del piano di rottura è con grande probabilità sviluppata al limite con un livello ricco di gessi.
Nella scarpata a monte, affiora in alto la Dolomia Principale, interessata da varie fratture più o meno parallele alla scarpata stessa. Il fenomeno appare attivo su tutta la fronte, in particolare all'altezza di Grauzaria, dove si notano alcune depressioni dovute a movimenti recenti e una intensa attività erosiva al piede, in corrispondenza della deviazione subita dal torrente Aupa.
Giudizio La frana (versante occidentale del Monte Masereit) rappresenta un complesso scivolamento rotazionale di una grande massa rocciosa appartenente alla Formazione del Monticello.
Commenti aggiuntivi
Il geosito è visibile dal fondovalle, in particolare lungo la strada che risale da Moggio Udinese, all'altezza del ponte per Ovedasso. Per accedere alle falde del Monte Masereit è possibile percorre una carrareccia che segue in quota la Val Aupa.
Bibliografia
CARULLI G.B., FRIZZO P., LONGO SALVADOR G., SEMENZA E., BIANCHIN G., MANTOVANI F., MEZZACASA G. (1987) - La geologia della zona tra il T. Chiarzò e il F. Fella (Alpi Carniche). - Giornale di Geologia, Bologna, ser. 3a, 49 (1): 1-32.

CARULLI G. B., LONGO SALVADOR G., PONTON M., VENTURINI C., con contributi di Muscio G., Spadea P., Vai G.B.. & Vaia F., (2002) - Sosta 7.14 – Chiaranda: la formazione del Monticello e la frana di scivolamento del Masereit. In: SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA (a cura di), coord. VAI G.B., VENTURINI C., CARULLI G.B. & ZANFERRARI A., (2002) - 9 Itinerari. Alpi e Prealpi Carniche e Giulie - Friuli Venezia Giulia. Guide Geologiche Regionali. Soceità Geologica Italuana, BE-MA editrice, Milano, , 282-283.